Bibliografia sul TaiJiQuan

Nei giorni scorsi ci è venuta l'idea di sfruttare il nostro blog per una compilazione collettiva di una bibliografia sul TaiJiQuan. Comincio quindi io a segnalarvi un libro, e poi chi di voi ha piacere può lasciare uno o più  commenti aggiungendo altre segnalazioni di libri. Se l'ìiniziativa avrà successo raccoglieremo tutte le vostre segnalazioni e compileremo una pagina definitiva sul sito.

Quindi, primo libro segnalato:

"Taiji Quan  Arte marziale, tecnica di lunga vita"

di Caterine Despeux

Edizioni Mediterranee

1a edizione 1987

2a edizione 1993

3a edizione 2007

 

Adesso tocca a Voi!

Marco

Scrivi commento

Commenti: 6
  • #1

    maddalena (martedì, 05 aprile 2011 22:48)

    grazie per questa pagina, io segnalo anche il tao del tai-chi chuan di JounTsung Hwa, ubaldini editore e "La via del guerriero di pace" di Dan Millman!ILLUMINANTI!!! buona lettura!

  • #2

    massimo (giovedì, 07 aprile 2011 10:43)

    taijiquan è filosofia, arte marziale, una forma di medicina e sopratutto
    un ESERCIZIO di COLTIVAZIONE di SÉ
    ecco il libro che consiglio costa poco ma ci sono tutti gli elementi per capire, approfondire...
    boh vedete voi
    ecco il titolo: Tredici saggi sul t'ai chi ch'uan di CHENG MAN CH'ING (Feltrinelli)
    intanto sto finendo di leggere un interessantissimo romanzo su un monaco taoista che ricerca attraverso l'arte marziale.....
    poi vi fò sapere
    MAX

  • #3

    sasha (domenica, 10 aprile 2011 23:56)

    carissimi, anch'io come Massimo sto leggendo i 13 saggi di Cheng Man Ch'ing. per certi versi è illuminante, per altri mi è oscuro, altri elementi mi trovano in radicale disaccordo... ma penso che sia normale!
    comunque è una grande lettura, meglio se affrontata dopo aver macinato un po' di pratica di taiji!
    p.s.: sasha è il mio nick (si dice così? la mia idiosincrasia con la tecnologia è devastante..)
    Alessandro

  • #4

    Max (martedì, 19 aprile 2011 12:21)

    Stavo cercando notizie sulla tecnica della corsa (sì il jogging!) e mi sono imbattuto in questo concetto: Takuan Soho (monaco giapponese) parlando dell'arte della spada dice che:
    " è fondamentale raggiungere la saggezza invariabile, cioè quando la mente non si ferma affatto in nessun luogo, in nessuna azione. Quando si è di fronte a un albero , se si guarda una sola delle tante foglie rosse, non si vedranno tutte le altre. Quando invece l'occhio ( e la mente) non si concentra su nessuna foglia, e si sta davanti all'albero con la mente vuota, si vedrà un numero infinito di foglie". Per spiegare meglio il concetto , il monaco zen , parla del "principiante" , che non sapendo nulla a riguardo della posizione corretta del corpo o del modo di tenere la spada , la sua mente non sarà condizionata da alcunché.
    Sempre secondo Takuan è fondamentale ricercare lo stato della "Non -mente - Non - Pensiero". Quando si è entrati in questo stato mentale il capo, le braccia, le mani, le gambe, sanno quello che devono fare senza che la mente ne sia coinvolta più di tanto"
    Vi ricordate ciò che dice sempre Ale 'lasciate fluire...'
    Lo consiglio a me stesso ma lo dico A VOCE ALTA
    Lo zen e l'arte della spada di Sôhô Takuan Mondadori

  • #5

    Giuseppe Urselli (giovedì, 16 giugno 2011 12:53)

    Beh, modesie a parte aggiungerei il mio libro Tai Ji, Danzare la Vita, Infinito Editori, il mio video dvd Tai Ji, la danza del Tao e tutti i libri del mio maestro Chungliang Al Huang. Il mio libro è sul Tai Ji come stile di Vita :-)
    Felice lettura e felice pratica Tai Ji,
    Giuseppe Urselli

  • #6

    Marco (venerdì, 17 giugno 2011 13:26)

    Giuseppe, grazie per il tuo contributo, felice pratica anche a Te!